La Leggenda del Pallavolista Volante

Ieri sera al teatro Elfo Puccini di Milano è andata in scena la “Leggenda del Pallavolista Volante” interpretato dal campione di volley Andrea Zorzi e dalla bravissima Beatrice Visibilli, guidati dalla sapiente regia di Nicola Zavagli.
Lo spettacolo ripercorre le tappe della vita di Andrea: dal giovane ragazzotto della provincia veneta troppo alto e troppo timido al campione famoso che sale sul tetto del mondo e che fa parte di quella che tutti hanno definito la squadra più forte di sempre, quella dei fenomeni allenata da Julio Velasco.
Zorro (il suo soprannome), non racconta solo le vittorie della sua incredibile carriera ma anche le sconfitte, che sono quelle che lasciano le ferite più profonde. Mi ha particolarmente colpito la sensibiltà e l’umiltà con cui ha trattato anche le sconfitte della propria vita personale.
Uno spettacolo che mi ha fatto rivivere tante emozioni, positive e non, che questo meraviglioso sport mi ha regalato.
Ero molto curiosa di vederlo e sono rimasta piacevolmente sorpresa e colpita di come siano riusciti a descrivere una carriera così intensa ed importante in un modo così semplice, ironico e allo stesso tempo profondo e coinvolgente.
Davvero complimenti: un esempio riuscito di come si possano coniugare sport e cultura.
Al termine dello spettacolo ha preso vita un talk-show durante il quale ho potuto raccontare insieme a Marco Mencarelli (vice allenatore della nazionale nel 2002) l’esperienza e le emozioni del Mondiale vinto; Valentina Arrighetti, che rappresenta il futuro della nazionale, ha parlato dei mondiali che si disputeranno tra settembre e ottobre in sei città d’Italia e Giusy Versace, velocista paralimpica, ci ha fatto emozionare con la sua incredibile storia e con la sua ironia.
L’energia scaturita è stata enorme e per questo non posso che ringraziare Andrea per il regalo che mi ha fatto coinvolgendomi in questa serata.

zorzi (1)

zorzi (6)

zorzi (3)Foto di Luigi Di Fiore

Consiglio davvero di andare a vedere lo spettacolo anche a coloro che non seguono il volley perchè quello che viene raccontato è molto di più di una carriera sportiva.
Se volete dare un’occhiata alle prossime date seguite questo link.

 

Comments

comments

No Comments Yet.

Write a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *