Volley is better

Che week-end!
Tra ieri e oggi tre squadre hanno conquistato il tricolore: la Rebecchi Nordmeccanica Piacenza per il volley femminile, la Lube Banca Marche Macerata per il volley maschile e la Juventus si è aggiudicata matematicamente il 32° scudetto (sono un pò Juventina).
Sabato la sfida tra Busto e Piacenza non è stata molto sofferta ma non per questo meno entusiasmante.
Bellissimo vedere l’emozione dell’eterna Manuela Leggeri (capitano di Piacenza) che ha giocato queste finali ad un livello altissimo. E’ stata e continua ad essere un esempio per noi pallavoliste.
Questa sera invece sono rimasta letteralmente incollata alla tv a seguire l’incredibile sfida tra Perugia e Macerata che mi ha fatto saltare sul divano ad ogni punto del quarto e decisivo set.
Alla Lube Macerata vanno fatti i complimenti anche per aver devoluto a molte famiglie residenti nella provincia di Macerata che sono in difficoltà a causa dell’assenza di lavoro, l’intero incasso di gara 3 giocata il 1 maggio.
La parte che mi piace di più di queste partite sono gli ultimi punti: osservo le facce e le espressioni dei giocatori in campo, degli allenatori, del pubblico. Cerco di immedesimarmi e di immaginare quali pensieri stiano passando per la testa dei giocatori in quei momenti fatidici. La tensione e l’energia è incredibile e buca lo schermo fino a raggiungere anche gli spettatori seduti (o in piedi) sul divano. E poi tutti in campo a festeggiare, tifosi compresi.
La magia dello sport. O meglio, la magia del volley.
Forse questo sport meriterebbe un pò più di spazio sui media, rubandolo magari al calcio che anche questo week-end ci ha mostrato un lato negativo dovuto alla violenza dei suoi ultras.

il mio sport è differente

#ilmiosportèdifferente dal Twitter della @LegaVolleyFemm

Comments

comments

No Comments Yet.

Write a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *